Comune di Cassano allo Ionio

Stemma comunale
ABITANTI
18.652 (M 9.235, F 9.417)
DENSITÀ PER KMQ
112,5
SUPERFICIE
154,42 KMQ
SANTO PATRONO
S.S. CROCIFISSO (PRIMO VENERDÌ DI MARZO)
CONFINI COMUNALI
CASTROVILLARI, CERCHIARA DI CAL., CIVITA, CORIGLIANO, FRANCAVILLA M., FRASCINETO, SPEZZANO ALB., VILLAPIANA
COMPRESO IN
DIOCESI 110 - CASSANO ALL'JONIO, GAL ALTO JONIO SIBARITIDE, REGIONE AGRARIA N. 19 - PIANA DI SIBARI
Parco archeologico di Sibari
Clicca per ingrandire
Clicca per ingrandire

Loghi istituzionali

"Realizzazione del Parco Culturale della Sibaritide" Progetto Integrato di sviluppo Locale "Sybaris Terra d’incanto: Mare, Cultura e Natura" POR Calabria FESR 2007-2013 - Linea di intervento 5.2.3.2
CIG: 6078857F79 – CUP: F12F11000180002

Photogallery

Clicca per ingrandire
Clicca per ingrandire
Clicca per ingrandire
Clicca per ingrandire
Clicca per ingrandire

Cenni storici

Le piu' antiche tracce archeologiche rinvenute nel territorio di Cassano sono riferibili all'eta' Neolitica e individuate all'interno della Grotta Inferiore di Sant'Angelo. Risalenti all'eta' del Bronzo, sono i frammenti ceramici individuati in localita' Pietra del Castello. Intorno al 720 a.C risale la fondazione della colonia achea di Sybaris. Nel 510 a.C. si svolse la battaglia contro Crotone sul fiume Traente che culmino' con l'assedio di Sybaris e la sua totale distruzione. I sopravvissuti fondarono la colonia panellenica di Thurii sullo stesso sito della precedente. Il nuovo impianto della citta' fu progettato dal famoso architetto e urbanista Ippodamo di Mileto. Nel 194-3 a.C., sul sito dell'antica Sibari e dell'ellenistica Turi, fu fondata la colonia latina di Copia. Il sito fu completamente abbandonato nel VII secolo. In periodo Longobardo fu sede di gastaldato. Nel 951 d.C. Cassano fu assediata e sottomessa ai Saraceni. Nel 1054 i Normanni la assegnarono al Giustizierato di Cosenza. Durante la dominazione di Federico II di Svevia divenne citta' regia. Nel 1662 il feudo di Cassano fu venduto da Luigi Sanseverino, principe di Bisignano, al genovese Francesco Serra. Nel 1806 venne occupata dalle truppe francesi e successivamente saccheggiata.

Dove dormire

Dove mangiare